ORA E SEMPRE… RESISTENZA!

Quello di Kimba, il leone fuggito da un circo attendato a Ladispoli, è l’ennesimo atto dimostrativo che gli altri animali attuano costantemente una resistenza contro il sistema di sfruttamento e profitto.

Nel video che ha fatto il giro dei social, non si vede un leone intento nello straordinario atto di fuga romanticizzato, spettacolarizzato o deriso, come raccontato dai media. Quella è la dimostrazione che ogni volta le maglie oppressive di un circo si allentano gli individui di altra specie cercano di liberarsi dal giogo del sopruso, della violenza fisica e dall’umiliazione di essere ridotto a macchietta da avanspettacolo.
Purtroppo, in un mondo a “misura d’uomo” non esistono spazi concreti per fare perdere le proprie tracce. L’epilogo è un non-lieto fine in cui l’individuo oppresso viene sempre riconsegnato nelle mani dell’aguzzino o, più spesso, ammazzato.

Cosa ci insegna questo ennesimo episodio di fuga?
Cosa possiamo fare in quanto alleatə degli altri animali?

  • Che bisogna organizzarsi per fare pressione sulle istituzioni.
  • Spingere la politica a non sovvenzionare più il circo con animali, privilegiando quello con spettacoli di soli animali umani;
  • Chiedere in modo massivo ai Comuni di non fare più i permessi di attendamento;
  • Continuare a fare presidi davanti al circo informando le persone sullo sfruttamento degli altri animali.

Qui trovi il file per scaricare gratis i volantini contro il circo.